Tinteggiatura delle pareti: 5 motivi per non scegliere il fai da te - Il Marito in Affitto
Tinteggiatura delle pareti

Tinteggiatura delle pareti: 5 motivi per non scegliere il fai da te

La fine dell’estate e l’inizio dell’autunno rappresentano gli ultimi periodi utili per procedere con la tinteggiatura interna o esterna della tua abitazione. Se hai intenzione di rinfrescare una o più stanze o vorresti sperimentare con una tinteggiatura moderna è il momento di contattare un esperto.

I rischi del fai da te.

Il Web è ricco di esempi di tinteggiatura di pareti interne ed è possibile che qualche foto suggestiva ti abbia fatto venire voglia di cambiare look alla tua casa, o magari vorresti che le pareti della tua cucina tornassero pulite e luminose come un tempo; o ancora, il tuo contratto di affitto è in scadenza e devi procedere con l’imbiancatura delle pareti prima di restituire le chiavi al padrone di casa.

Qualunque sia il motivo che ti ha spinto a leggere il nostro articolo, ecco 5 motivi per cui dovresti contattare un esperto:

1. La preparazione è lunga e faticosa.

Prima di tinteggiare le pareti interne è necessario preparare l’ambiente spostando o mettendo in sicurezza mobili, oggetti di arredo e, ovviamente, i pavimenti. 

Operazioni come proteggere gli infissi, ricoprire le superfici delicate e spostare gli oggetti più ingombranti possono risultare addirittura impossibili per chi non ne conosce i criteri: se vogliamo salvaguardare al meglio le nostre cose, contattare un professionista è la strada più sicura.

2. Le pareti devono essere predisposte.

Per ottenere un risultato finale piacevole e di qualità è necessario liberare le pareti da eventuali chiodi per poi stuccare i buchi. La stuccatura deve essere eseguita a regola d’arte anche in presenza di crepe leggere o piccoli dislivelli che un occhio non allenato potrebbe trascurare. Il prezzo della noncuranza? Una parete dipinta di fresco ma dall’aspetto già rovinato.

3. I prodotti non sono tutti uguali.

Un esperto può valutare le condizioni di ogni ambiente e individuare il prodotto migliore per l’imbiancatura o la tinteggiatura delle vostre pareti. La scelta dei materiali da impiegare, infatti, dipende da una serie di fattori tra cui la presenza in casa di fumatori o animali domestici, l’umidità, l’usura delle pareti a contatto con i mobili e la potenza della luce diretta del sole, responsabile di vistose sbiaditure.

4. Tinteggiare una parete non è un gioco.

“Che sarà mai? Basta avere un rullo o un pennello!”

Non è esattamente così: un professionista riconosce quale rullo o pennello è il più appropriato per un certo tipo di prodotto, e sa quando la prima mano di pittura è davvero asciutta. Se non vuoi che le tue pareti presentino chiazze, bolle o croste di vernice, la soluzione migliore è fidarsi di un professionista.

5. I colori possono trarre in inganno.

Per i non esperti è facile cadere nelle trappole delle mazzette colori: ecco perché quello che sembrava un delicatissimo rosa pesca può rivelarsi un vivace rosso aragosta. Se non vuoi incorrere in errori grossolani è meglio descrivere le tue aspettative a un professionista capace di scegliere i prodotti migliori per ottenere l’effetto desiderato.

Vuoi conoscere il costo della tinteggiatura al mq o avere più informazioni? Clicca qui.

No Comments

Post A Comment